Piazzetta G.Romano, n.15, 82037 Telese Terme, BN  P.I.01283530622

I video della Fondazione

I video della Fondazione sono visibili su: YOUTUBE


 
"ENZO PELLEGRINI - La fotografia come educazione alla bellezza"

Conversazione con Massimo Capaccioli

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Mercoledì 17 ottobre, alle ore 18.30, la Fondazione Gerardino Romano, presso la sede sociale di Piazzetta G. Romano 15, Telese Terme (BN), ospita il prof. Massimo Capaccioli. All’incontro coordinato dal prof. Felice Casucci si presenta il libro Mille 1 Notte. Storie dell’altro mondo, Mediterraneo, 2018. Catturare l’attenzione dei lettori sulle molteplici facce della più antica e insieme la più attuale delle scienze fondamentali, con l’ambizione di suscitare in loro quella medesima curiosità che ha motivato, nei secoli, la collezione di novelle raccontate dalla bella Sherazad al re persiano Shahriyār”. Così Massimo Capaccioli nella prefazione svela l’obiettivo della raccolta dei suoi migliori articoli scritti negli ultimi due anni per la rubrica “Mille1notte” del quotidiano “Il Mattino”. “Informare un pubblico generico tramite pillole di conoscenza rivestirete con lo zucchero della divulgazione, in modo che l’amaro dei tecnicismi non scontenti i palati meno avvezzi, cercando al medesimo tempo di non tradire troppo il rigore scientifico. Il formato è quello per una lettura negli scampoli di tempo libero, come l’arco di un breve viaggio, una pausa postprandiale, oppure a letto, in attesa del sonno”. 

Tutti i video relativi agli incontri settimanali sono visibili sul canale YouTube della Fondazione: https://www.youtube.com/channel/UC8myUP4aa1mbCevzI10Ez5Q.

Massimo Capaccioli, è attualmente professore Emerito di Astrofisica all’Università degli Studi di Napoli Federico II e professore onorario di Astrofisica all'Università di Mosca. È stato per anni il faro accademico degli studi di astronomia all’Università di Padova, fino agli inizi degli anni ’90, quando ha eletto la Campania a sua dimora adottiva guidando per tredici anni l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte. Già artefice, tra le sue tante imprese scientifiche, della realizzazione del più potente telescopio del mondo all’interno dell’Osservatorio astronomico cileno del Paranal, in seno all’Unione Astronomica Internazionale, all’Agenzia Spaziale Europea, al Centro italiano di Ricerche Aerospaziali e alla Società Astronomica Italiana, che ha presieduto per oltre un decennio, i suoi studi sono divenuti celebri in tutto il mondo fino al tributo speciale ricevuto in Russia e in Ucraina dove ha collezionato tre lauree honoris causa. Ha pubblicato: Il divenire dell’Universo, Armando Curcio, 1985; L’Astronomia a Napoli dal Settecento ai giorni nostri, con G.Longo e E. Olostro Cirella, Guida Editore, 2009; Arminio Nobile e la misura del cielo: le disavventure di un astronomo napoletano, con S. Galano, Springer-Verlag Italia, 2012.

Video

mercoledì culturali

"Dal volgersi delle cose al rivolgersi ad esse" -  F. C.