Piazzetta G.Romano, n.15, 82037 Telese Terme, BN  P.I.01283530622

Seminario

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

 

Servizi pubblici essenziali: diritto di sciopero e rappresentatività delle organizzazioni sindacali

15 novembre 2017, ore 11.15

Sala Convegni della Biblioteca - Dipartimento DEMM
BENEVENTO


Il 15 novembre 2017, dalle ore 11.30, presso la Sala Lettura della Biblioteca del Dipartimento DEMM dell'Università del Sannio, Piazza Arechi II, Benevento, si svolgerà il seminario su "Servizi pubblici essenziali: diritto di sciopero e rappresentatività delle organizzazioni sindacali". L'iniziativa - promossa da Felice Casucci, ordinario di Diritto privato comparato nell'Università del Sannio, da Rosario Santucci, ordinario di Diritto del lavoro, e da Marco Mocella, professore aggregato di Diritto del lavoro dell'unione europea nello stesso Ateneo - si inscrive nell'ambito della formazione connessa al Corso di studio di giurisprudenza dell'Università del Sannio e al Dottorato di ricerca Persona Mercato Istituzioni del Dipartimento DEMM, coordinato dalla prof.ssa Antonella Tartaglia Polcini, ordinario di Diritto Privato nell'Università del Sannio.  Piazza Arechi II.

Il seminario vedrà la partecipazione del prof. Giuseppe Santoro Passarelli, Presidente dell'Autorità di garanzia degli scioperi nei servizi pubblici essenziali, nonché professore Emerito della Sapienza Università di Roma, e del prof. Francesco Santoni, professore ordinario di Diritto del lavoro dell'Università di Napoli Federico II, già componente della predetta Commissione. Il tema del seminario è di stringente attualità - specie nelle Università dove di recente si è registrato lo sciopero dei docenti e dei ricercatori universitari - per la forte terziarizzazione della società e il ruolo strategico svolto dai servizi pubblici sia nel garantire i diritti costituzionali dei cittadini, sia nel consentire la competitività del Paese. Le introduzioni dei professori Santoni e Santucci si soffermeranno sull'assetto normativo e sulle criticità, che si ritengono affliggere la disciplina della l. n. 146/1990, pur già incisivamente riformata dalla l. n. 388/2000 specie con riguardo ai poteri della Commissione di garanzia, notevolmente accresciuti, al lavoro autonomo e alle associazioni rappresentative degli utenti. Un nodo rilevante riguarda la rappresentatività dei soggetti collettivi, legittimati alla proclamazione dello sciopero, per la quale mancano regole specifiche che potrebbero assicurare più agevolmente l'esercizio del diritto. Al riguardo permane tuttavia l'esigenza di tutelare il diritto individuale di sciopero, pur condizionato dal perseguimento di finalità collettive, rivelandosi decisive e sufficienti le limitazioni già poste dall'attuale disciplina. Il prof. Giuseppe Santoro Passarelli concluderà i lavori, offrendo, anche sulla base dell'importante esperienza della Commissione di garanzia, soluzioni migliorative dell'assetto normativo che derivano non solo da modifiche legislative ma anche dal diritto "vivente".

"Dal volgersi delle cose al rivolgersi ad esse" -  F. C.