Piazzetta G.Romano, n.15, 82037 Telese Terme, BN  P.I.01283530622

La Fondazione Gerardino Romano Online

Il sito web della Fondazione si propone di ricordare il nome di Gerardino Romano, sindaco della città di Telese Terme (BN) dal 1952 al 1980, un esempio per tutti coloro che hanno a cuore lo sviluppo della propria terra, avendo agito con profondo senso del dovere, con spirito dell'uomo giusto, animato solo dall'interesse comune.
Nel sito della Fondazione è possibile consultare tutti gli eventi in programma, oltre che approfondire la figura di Gerardino Romano... Continua   


  IN RICORDO DEL "MAESTRO" UBALDO CUSANI

I video della Fondazione

 

Giorgio Gaber - Il tutto è falso

Dall'album "Io non mi sento italiano" (2003)

Dona il...

E’ possibile destinare il 5 X 1000 a favore della Fondazione Gerardino Romano, e sostenere i molteplici progetti promossi dalla Fondazione

...scopri come

Articolo La Repubblica del 26 giugno 2015

Conversazione con don Antonio Loffredo

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

 

Il Rione Sanità tra Scrittura Creativa e romanzo "Nostalgia"

Mercoledì 21 giugno, alle ore 18.30, la Fondazione Gerardino Romano, presso la sede sociale di Piazzetta G. Romano 15, Telese Terme (BN), accoglie don Antonio Loffredo. All’incontro, coordinato dal prof. Felice Casucci, si presenta il libro di Ermanno Rea, Nostalgia, Feltrinelli, 2016.

In un’intervista dello scorso mese di aprile il Parroco afferma: “Un libro sul nostro quartiere che racconta la storia di due ragazzi che fanno due scelte completamente diverse, che però mantengono il legame che si ha quando si cresce in questi vicoli, qualunque strada tu intraprenda. Il discorso è molto complesso, io ho imparato a capirlo proprio dai ragazzi: ci sono coetanei che fanno scelte diverse, ma loro non si sentono né in contrapposizione né minacciati, perché rimane quel sentimento affettivo che si è avuti crescendo negli stessi vicoli. Questo può anche essere una forza: come uno rispetta l’altro, l’altro riesce a capire il primo che magari adesso fa la guida e porta i turisti in giro per il quartiere. Forse si interroga sulla sua scelta. Per gli altri, noi parliamo di cultura, di arte, di lingua, di musica, cose che non vanno in competizione col mondo violento che pure è intorno”. (http://www.radicifuturemagazine.it). Il parroco del Rione Sanità, quartiere “pericoloso” di Napoli, ha fondato, nel 2006, la Cooperativa “La Paranza” per valorizzare il patrimonio artistico e culturale del quartiere. La bellezza dei luoghi costituisce un’attrattiva per i flussi turistici prima italiani e poi internazionali, e contribuisce all’inserimento del Rione nel circuito di produttività cittadino. Si tratta di una serie di imprese sociali che valorizzano le capacità del ragazzi e danno loro una speranza di futuro. Cultura, teatro, turismo, musica, beni culturali: luoghi e progetti per un’alternativa di vita. Nel Rione ormai c'è la consapevolezza che Napoli va ricostruita e restaurata, nelle cose e nello spirito. Ultimamente è stato inaugurato il “Laboratorio di Scrittura creativa”.

 Tutti i video relativi agli incontri settimanali sono visibili sul canale YouTube della Fondazione: https://www.youtube.com/channel/UC8myUP4aa1mbCevzI10Ez5Q. 

Don Antonio Loffredo, è molto più di un semplice parroco. Un uomo di Chiesa, ma anche di strada, di parole e di fatti. Che nel 2001 è arrivato in uno dei rioni più martoriati della città, La Sanità, isolato dal mondo da un ponte che lo sovrasta. Un luogo dove erano custodite opere d'arte di straordinaria bellezza, come la Basilica di Santa Maria della Sanità e quella di San Severo, le catacombe di San Gennaro e il palazzo dello Spagnolo, tutti in inspiegabile stato di degrado. E dove, nonostante i tanti veleni e le mille difficoltà, scorreva ancora un'incredibile linfa vitale. Una scoperta che si è subito trasformata in una sfida apparentemente impossibile: trasformare il ghetto in una delle realtà partenopee (e italiane) più vivaci, capace di dare un lavoro e un futuro migliore ai suoi abitanti, proprio a partire dal recupero delle bellezze architettoniche. 

Attività Culturali

Mercoledì Culturali

Conversazione con Bruno Cavallone  “La dolce procedura” Mercoledì 23 maggio, alle ore 18.30, la Fondazione Gerardino Romano,...Read More
Maggio 21st 2018Views 69Comments 0
00000
Conversazione con Alda Parrella  “Tutte diverse Tutte uguali” Dodici ordinarie storie di donne del territorio Mercoledì 16 maggio,...Read More
Maggio 11th 2018Views 53Comments 0
00000
Conversazione con Beniamino Casale  Medicina Narrativa e Comunicazione in Medicina Mercoledì 2 maggio, alle ore 18.30, la Fondazione...Read More
Aprile 30th 2018Views 120Comments 0
00000

Diritto e Letteratura

Marzo 19th 2018Views 186Comments 0
00000
Il contributo del dott. VINCENZO NUZZO  DIRITTO E LETTERATURA (PROF. FELICE CASUCCI) “Il possibile contributo di Platone al Diritto – la...Read More
Dicembre 2nd 2016Views 660Comments 0
00000
Il contributo della dott.ssa FABIANA CACCIAPUOTI  DIRITTO E LETTERATURA (PROF. FELICE CASUCCI)  “Sul corpo della donna. La trilogia di Julian...Read More
Dicembre 2nd 2016Views 419Comments 0
00000

Gerardino Romano

Testimonianze,

immagini sulla vita

Il Blog di Felice Casucci

Presidente della Fondazione Gerardino Romano

Ultimo post del Blog

I sogni  I sogni devono essere sostenuti da braccia potenti e da una mente lucida, altrimenti generano mostri. Come la pistola della verità nel collo di...Read More
Maggio 26th 2018Views 95Rating 5
Cittadinanza passiva  Non tutto è quel che dovrebbe essere, non tutto è come dovrebbe essere. Sono stato partorito da un uomo. La mia vera mamma è stato lui. Mi portava ai...Read More
Maggio 13th 2018Views 509Rating 5
Lavoro  I pensieri sono sospesi ad una parete come un quadro La condizione umana richiede l’azione della parete dove il quadro pende Ma il dito fa ruotare...Read More
Maggio 1st 2018Views 204Rating 5

Vai al vecchio sito

clicca quì

Una Comunità in rete

Servizi

Linee Programmatiche

  • GIUSTA Open or Close

    Progetto informativo, formativo e di assistenza per una democrazia processuale/politica.

    Una delle più sorprendenti scoperte archeologiche di tutti tempi è il cosiddetto processo di Petronia Giusta. Si tratta di un dossier composto da diversi documenti (atti di ricomparizione e testimonianze) vergati su tavolette cerate (il materiale scrittorio dell'antichità) che riguardano la giovane Petronia Giusta e la sua richiesta di accertare il proprio status e dunque la pienezza dei diritti civili.

"Dal volgersi delle cose al rivolgersi ad esse" -  F. C.