Piazzetta G.Romano, n.15, 82037 Telese Terme, BN  P.I.01283530622

Ciro Alessio Formisano

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Diciannove anni, nato a Napoli e studente al primo anno di Giurisprudenza alla Federico II. Ho vissuto per ben quattordici anni ad Ercolano, per poi trasferirmi a Telese, lì dove ho trascorso gli anni del liceo (dei quali conservo un felice ricordo). Avendo avuto un nonno materno di nome Ciro e un nonno e una nonna paterni rispettivamente di nome Ciro e Ciretta, i miei genitori se non mi avessero affidato il nome del Re di Persia sarebbero dovuti solo espatriare. Alessio deriva dal protagonista di un racconto di Tolstoj, Alëša Bricco, letto da mio padre durante l'adolescenza. Etimologicamente Ciro Alessio starebbe per "Signore protettore". Amen. Sono un appassionato di lettura statunitense (perlopiù fantascientifica e postmoderna), di cinema e fumetto. Spesso e volentieri mi dedico alla scrittura, in particolare di articoli e recensioni. Ho al mio attivo anche un paio di racconti, tuttora in parte inediti. La Filosofia, verso la quale nutro tanto rispetto da non averla mai considerata una materia di studio, è stata per me uno spartiacque. Devo ringraziare non solo la Fondazione Romano e la persona di Luigi Santonastaso, quanto anche e soprattutto la mia professoressa Marirosa Iacobelli per avermi accompagnato nel cuore di questa disciplina. Pur avendo avuto la possibilità di proseguire i miei studi altrove, dopo lunghe e travagliate riflessioni ho fieramente deciso di iscrivermi alla Federico II di Napoli. Mi sono imbattuto in un ambiente professionale, pulito e pieno di opportunità: alla faccia della scuole private e degli atenei elitari. Bisogna essere lì dove si è più utili. Ci tengo a sottolineare il fatto di studiare Giurisprudenza, la scienza del Diritto, e non semplicemente Legge. Il diritto sussegue l'umanità, non la precede. Il diritto, di volta in volta, elabora sempre nuove modalità di relazione in grado di rendere sostenibile la convivenza degli individui all'interno di un tessuto, quale quello culturale, in continuo divenire. Hai detto nulla! Per il futuro, spero innanzitutto che ce ne sia uno per tutti. Che sia per me anche roseo, tanto di cappello.

"Dal volgersi delle cose al rivolgersi ad esse" -  F. C.