Get Adobe Flash player

A V V I S O

Questa è la precedente versione del sito stiamo testando il nuovo portale clicca quì per accedere

questa versione non è più aggiornata da novembre

Il settimo anno di svolgimento dell'insegnamento di Diritto e Letteratura presso il Corso di Studi in Giurisprudenza dell'Università degli Studi del Sannio, tenuto dal prof. Felice Casucci, Ordinario di Diritto Comparato, è dedicato al tema dell'Esilio.

 

Come sempre, le attività didattiche si articoleranno in 20 lezioni di due ore ciascuna, che si svolgeranno, secondo l'allegato programma, nei mesi di settembre, ottobre e novembre presso il plesso Via Calandra. Il modello sperimentato con successo dal prof. Casucci prevede, in ciascuna lezione, tranne che in quella introduttiva, la presenza di un relatore esterno, riservando al titolare dell'insegnamento il ruolo di discussant. Ciò allo scopo di conseguire risultati formativi fortemente caratterizzati dal punto di vista dialettico-culturale, che offrano agli studenti spazi di riflessione non precostituiti, sui quali essi siano posti in condizione di contribuire attraverso la stesura di piccoli saggi di approfondimento giusletterario, orientati ben oltre gli schemi metodologici del manierismo, assai diffuso nello studio del diritto. I migliori saggi saranno pubblicati alla fine del percorso didattico. La lezione introduttiva, tenuta dal prof. Casucci alle ore 9:00 di Lunedì 15 settembre 2014, aula 54, avrà ad oggetto il tema dello "sradicamento" e del campo metaforico della ricerca giuridica come viaggio protratto in una terra di nessuno occupata da molti abusi. Il prof. Casucci si occuperà, in proposito, di quella che il prof. Angelo Mario Ripellino definiva la "praghità": Franz Kafka e la letteratura slava di lingua tedesca di inizio secolo scorso saranno utilizzati a modello di una progressiva perdita di senso a cui induce il vagare nell'ordine/disordine del "labirinto" e delle metamorfosi che vi si determinano. Da qui, il paradigma del "Poutnik", il Pellegrino, continuamente sottratto alla dimensione territoriale che gli è propria. Da qui la figura dell'agrimensore, continuamente escluso dal "Castello", presidio di una legalità occulta e allegorica. L'esito della ricerca condurrà, in Kafka, alla condanna dell'innocente e al suo rendersi complice dell'accusa ingiustificata. Questo, sarà dimostrato, è l'esito ultimo di un sistema giuridico inadeguato allo scopo di giustizia che esso pure si prefigge come valore costitutivo. L'Esilio, dunque, come risposta ad un oltraggio irresistibile. Dall'In-giuria, argomento tematico dello scorso anno, all'Esilio il passo è breve.

Attachments:
Download this file (www.unisannio.it_18_settembre_14_Pagina_1.jpg)Rassegna Stampa[ ]345 Kb
Download this file (Formazione4.pdf)La formazione del giurista nell’Università degli Studi del Sannio[La formazione del giurista nell’Università degli Studi del Sannio fra tradizione e innovazione convegno del 6 ottobre 2014]176 Kb
Download this file (calendario definitivo.pdf)Calendario definitivo 2014-21015[ ]186 Kb
Share
comments
"Tutti gli articoli e i testi presenti in questo sito, firmati o comunque riconducibili ad una titolarità/originalità propria della Fondazione Gerardino Romano e di coloro che con essa collaborano sono protetti dalla legge 633/1941 sul diritto d’autore".