Get Adobe Flash player

A V V I S O

Questa è la precedente versione del sito stiamo testando il nuovo portale clicca quì per accedere

questa versione non è più aggiornata da novembre

Premiato Shlomo Venezia

18 Febbraio 2007

 

 

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

  

 

Premio_in_nuceQuesta mattina presso il Teatro Comunale di Benevento, gli studenti delle scuole superiori e dell’Università degli Studi del Sannio hanno incontrato Shlomo Venezia, uno dei sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti. L’appuntamento, inserito nelle celebrazioni per il “Giorno della Memoria”, è stato organizzato da Umanitas, l’associazione di volontariato culturale dell’Ateneo sannita e dall’assessorato alla Cultura del Comune di Benevento.

L’incontro si è aperto con i saluti del rettore Filippo Bencardino e dell’assessore comunale alla Cultura Raffaele Del Vecchio. Hanno introdotto Felice Casucci, docente delegato alle Attività Culturali dell’Università, e Maria Carmela Grasso, docente specialista in didattica della Shoah.

La testimonianza di Venezia è stata preceduta dalla proiezione del pluripremiato cortometraggio d’autore “Memoriae” di Lorella Morlotti e Camilla Mazzitelli. Shlomo Venezia è uno dei pochi sopravvissuti del Sonderkommando di Auschwitz-Birkenau, una squadra speciale selezionata tra i deportati con l’incarico di far funzionare la spietata macchina di sterminio nazista. Un’esperienza drammatica raccolta dallo stesso Venezia in un libro edito dalla Rizzoli con la prefazione di Walter Veltroni. “E’ un uomo - si legge nel testo introduttivo - che racconta con fermezza, con precisione, l’inferno che ha visto e toccato, e così facendo restituisce a noi che possiamo soltanto immaginare quell’orrore, cosa ha voluto dire la vita in un campo di sterminio, l’essere considerato meno di un animale, l’essere sopravvissuto grazie al tremendo lavoro in un Sonderkommando di Auschitz.

 
 
Share
comments
"Tutti gli articoli e i testi presenti in questo sito, firmati o comunque riconducibili ad una titolarità/originalità propria della Fondazione Gerardino Romano e di coloro che con essa collaborano sono protetti dalla legge 633/1941 sul diritto d’autore".